La tua azienda ha un piano di Disaster Recovery? | Boxup.it

La tua azienda ha un piano di disaster recovery?

Hai bisogno di uno spazio temporaneo extra per la tua startup? Scegli Boxup!
29 Novembre 2018
Ristrutturazione durante le vacanze di Natale? BoxUp ti dà una mano!
5 Dicembre 2018
Mostra tutto

Sicuramente sai di cosa stiamo parlando, ma se non hai un piano di disaster recovery (DR), dovresti decisamente iniziare a darti da fare. Infatti, si tratta di un insieme di attività e operazioni d’emergenza, che aiutano gli operatori e i professionisti a sapere come comportarsi per contrastare i disastri che potrebbero minacciare improvvisamente un’infrastruttura IT.

Attualmente, quasi tutti usiamo software, hardware, reti e vari tipi di processi… Archiviamo i dati digitalmente e non possiamo di certo perderli. Proprio per questo, è fondamentale avere un piano di disaster recovery, in particolare se si ha un’azienda di grandi dimensioni. 

La checklist di un DR perfetto

Il disaster recovery permette di continuare a svolgere le proprie attività (interamente o almeno parzialmente) e di non perdere i dati in caso di “calamità”. Chiaramente, non parliamo di un uragano che colpisce i server e mette un’azienda “in ginocchio” (anche se questo potrebbe accadere), ma parliamo di qualunque cosa che possa colpire reti, hardware, programmi e processi digitali aziendali. Può essere un virus, un attacco hacker, un danno ai cablaggi… Qualunque cosa.

In pratica, non importa cosa può accadere: un piano di disaster recovery è ciò che serve per riuscire ad andare avanti nonostante tutto. Pertanto, è chiaro che è importante e che dovrebbe essere realizzato con estrema attenzione. Per farlo, si dovrà:

  • Creare una lista di emergenza con le direttive necessarie per poter agire in modo corretto in caso di imprevisti di ogni genere; un piano di emergenza IT dotato di procedure dettagliate e un elenco di strategie di recupero da poter attuare nel momento del bisogno.
  • Avvalersi di una Business Impact Analysis (BIA), ovvero dell’analisi di impatto sul business, che consente di capire a quali sistemi prestare più attenzione, quali sono i più a rischio e quali sono i metodi per tenere sotto controllo questi componenti/elementi più critici.
  • Elaborare un programma di controlli preventivi, test, aggiornamenti e manutenzione (utile per ridurre al minimo i rischi).
  • Formare i propri collaboratori: cosa dovranno fare in caso di emergenza? Ogni persona che lavora nella tua azienda dovrebbe conoscere almeno una parte del piano di disaster recovery o comunque le operazioni che la riguardano.

Prevenire è meglio che curare!

Naturalmente, questo è solo un piccolo riassunto di ciò che dovresti fare e sapere riguardo al disaster recovery. Più la tua azienda è grande, più cose ci saranno da fare, da sapere e da pianificare.

Potrà essere utile affidarti a un esperto del settore, ma anche contare su BoxUp: potrai scegliere uno dei nostri magazzini e creare un archivio aziendale, per le emergenze e non solo. Hard disk, copie di documenti cartacei e tutto ciò che è più importante per la tua impresa possono essere costuditi in un box sicuro, allarmato e videosorvegliato. Avere un piano bis di disaster recovery è sempre una buona idea!